Introduzione a WordPress

PUNTATA #174

Comincia il nostro viaggio nel mondo di WordPress, viaggio che, una puntata della  #TutorialTV dopo l’altra, ci porterà a scoprire come sia potuto diventare in così poco tempo, una delle piattaforme editoriali più diffuse della rete. La creazione di un sito web è stata per molto tempo prerogativa di smanettoni e professionisti, unici in grado di addentrarsi in noiose e complicate pagine di codice di programmazione.

Con l’avvento dei CMS, però, tutto questo è cambiato: in pochi passaggi oggi chiunque può costruirsi il proprio blog o sito internet, personalizzarlo ed aggiornarlo con facilità, ma soprattutto non aver mai (o quasi) bisogno di mettere mano al codice!

Cominciamo con lo scaricare in locale tutto quello che ci serve e partiamo per la nostra avventura!

wordpress

Le risorse che ho utilizzato:

WordPress

MAMP

87 commenti su “Introduzione a WordPress

  1. Grazie a tutti per il supporto! Sono contento che l’argomento interessi e vi assicuro che abbiamo un mondo di informazioni da condividere con voi! E… Stefano, sono d’accordo con te 😉

  2. ciao a tutti sò che forse è un pò presto e mano a mano ci mettete in condizioni di saperne di più su wordpress e non solo e vi ringrazio, ma ci saranno presto dei video tutorials circa gli e-commerce cioè l uso dei plug-in wp-ecommerce e e-shop o altro? No perchè, usandoli attualmente non ho capito alcune cose … potete aiutarmi per favore? grazie

  3. Ciao Andrea!
    Ti ringrazio per i tuoi TUTORIAL, io però ho subito un problema! :-O
    Ho creato una sottocartella nella ROOT principale dove ho caricato wordpress come da te mostrato, ma quando vado all’indirizzo non accade nulla! BIANCO :-(
    Ho saltato qualche passaggio? …. a me sembra di no! :-/
    Anticipatamente ringrazio,
    ciaooooo
    davide

  4. :-) sisi .. ho un server linux, ti assicuro che prima di romp… le scatoline, ho cercato di risolvere da me, purtroppo da cyberduck immetto i permessi 775 sembra anche che li cambi ma poi i permessi restano uguali! :-( provo direttamente da aruba come mi dici.
    grazie ancora

    • Fai questo tentativo, se non dovesse funzionare cancella tutto e riparti da capo.
      L’installazione di WP è un a banalità, se riscontri diversi problemi sicuramente qualcosa è andato storto, meglio rifare il tutto 😉

    • buongiorno Andrea,
      dopo un pò di rompicapo è partito!! 😉
      Siccome ero passato da Windows a Linux bisognava attivare manualmente Linux come server digitale, e poi i permessi 755 a tutti i file caricati sul server.
      Forse la mia esperienza può essere utile a qualche altro utente … amenochè non sia l’unico incapace!!! ;D
      grazie di tutto,
      saluti
      davide

    • Ciao Davide. La differenza sta nell’avere solo server Linux, l’ideale per WordPress dato che non c’è motivo di avere anche server Windows, o avere entrambi.
      In questo caso nel pannello di gestione di Aruba si ha l’opzione per attivare l’uno o l’altro, attivazione che richiede qualche ora perché diventi effettiva.

  5. ciao Andrea!
    se ti rompo troppo puoi dirlo è! 😉
    … cosa consiglieresti per un sito in wordpress … istallazione nella directory principale o in una sottodirectory?
    Soprattutto per un discorso di indicizzazione.
    grazie
    P.S. se la domanda non è pertinente cancella pure.

    • Ciao Davide! Figurati, chiedi pure quando hai bisogno!
      Per installare WP in una sotto-directory deve esserci un valido motivo; non so quale sia il tuo ma, per esempio, si potrebbe avere una prima installazione in www miosito com, e una seconda in www miosito com/shop in cui sviluppare, in questo caso, un e-commerce.
      Se non hai una situazione simile non vedo perché complicarsi la vita e complicarla agli utenti, il tuo sito deve esser facile da raggiungere, non il contrario 😉

  6. si certo,
    siccome ho visto che è possibile raggiungere wordpress da http://www.miosito.it nonostante sia istallato in una sottocartella …
    mi ponevo il problema che forse per i motori di ricerca fosse più complicato indicizzare.
    Cmq credo che lo svilupperò in locale per poi pubblicarlo nella root principale!
    grazie
    a presto 😉

  7. Buon dì! Ho sviluppato il mio sito su wp prima in locale utilizzando l’applicazione MAMP; ora che ho installato wp in remoto, quando dal pannello di amministrazione in remoto vado su ‘visualizza sito’ mi compare il messaggio che è impossibile stabilire la connessione al server di miosito.altervista.org:8888, la cosa strana è l’8888 che sarebbe il numero di porta utilizzanto da MAMP in locale;

    ho controllato nella tabella wp_options nel database phpmyadmin in remoto il siteurl e risulta corretto, anche nell’impostazioni generali di wp dal pannello di amministrazione l’url è corretto…forse sbaglio qualcosa nel file config? Nel DB_USER metto quello che mi è stato inviato dal gestore di hosting e come server localhost ho provato anche a scrivere per intero il dominio ma nulla…non capisco cosa possa essere…

    • Aggiornati tutti i browser, il tuo sito WP deve funzionare ovunque. Resta il fatto che il file wp-config deve essere compilato a dovere 😉

    • Ciao Veronica! L’errore sta proprio nel file wp-config. Il localhost, infatti, non è l’indirizzo del sito ma una serie di numeri, anche questi forniti dal tuo service provider. Controlla i dati che ti sono stati inviati a seguito dell’acquisto dello spazio web.

    • Valerio, non capisco quale tipo di percorso tu stia seguendo. Caricati i file di istallazione di WP sul tuo spazio web, editato il file wp-config-sample.php e rinominato in wp-config.php, non devi fare altro che accedere al tuo sito. Dovrai inserire qualche informazione tipo… il nome del tuo blog, la tua mail e password… nient’altro, potrai iniziare a personalizzare il suo sito WP! Fammi sapere 😉

  8. In pratica una volta modificato e salvato il file wp-config, procedo con l’upload dei file con cyberduck sul mio spazio, successivamente accedo al sito e vado nella cartella wp_admin e clicco sul file install.php, quì poi mi appare il messaggio d’errore:
    WordPress Installer
    * @package WordPress
    * @subpackage Administration
    */
    // Sanity check.
    if ( false ) {
    ?>

    Error: PHP is not running

  9. Ho ripetuto tutta la procedura da capo, provando poi a digitare semplicemente l’indirizzo del mio sito, ma niente da fare… Ora mi dice: Forbidden
    You don’t have permission to access / on this server. :(

  10. Ciao Andrea,
    volevo un chiarimento.
    Da anni gestisco un mio sito web (e non solo quello mio), ma il caricamento dei file l’ho sempre eseguito tipo “modalità esplora risorse”. Cioè, senza l’utilizzo di FileZilla o similari, ho sempre selezionato i file in locale, digitato un bel Ctrl+C e copiato sul server i file. E il sito (i siti) ha (hanno) sempre funzionato.
    Se funziona così, perchè devo necessariamente utilizzare FileZilla ecc?
    Grazie in anticipo per la risposta
    G

    • Ciao Gennaro! Hai ragione, non è importante come o con quale applicazione, quel che conta è trasferire i file su server.
      Il Finder di Mac, per esempio, si connette anche a server esterni via ftp. Unico appunto, i programmi dedicati, solitamente, garantiscono maggiore velocità ed affidabilità; in fondo… nascono per quello!

  11. Ciao Andrea, innanzitutto complimenti per i tutorial sull’argomento ho iniziato tardi ma pian piano me li studio tutti.
    Ho una domanda, è possibile lavorare offline e solo quando il sito è pronto caricarlo sullo spazio web?

    La mia intenzione è di usare wordpress non tanto per i blog ma per la creazione di siti che vorrei integrare con la mia grafica, mi hanno detto che è possibile conoscendo il codice, ma non vorrei rendere visibile un sito in costuzione, come posso fare?

    Grazie mille.

    • Ciao Riccardo, grazie per i complimenti!
      Sostituisci localhost con l’Host del tuo service provider, sono tutte informazioni che ti vengono inviate nel momento in cui acquisti uno spazio web 😉
      Prova e fammi sapere ok?

  12. Ciao Andrea,
    è chiaro che il file wp-config debba essere modificato immettendo la psw ecc. Ma dove li prendo questi dati?
    Per esempio: io ho aruba e ho rinnovato facendo il passaggio da un server windows ad uno linux. Mi è arrivata l’email di attivazione con il mio user name del dominio e password.
    E basta.
    Come procedo?

    • Ciao Gennaro!
      Perfetto, sei passato da un server Windows ad uno Linux, come richiesto da WordPress; ti manca un passaggio però, devi acquistare un database, meglio con incluso il servizio di backup.
      I dati d’accesso che dovrai inserire in wp-config, infatti, non sono quelli del collegamento ftp, ma del database.
      Fammi sapere se riesci a fare il tutto ok? Buon lavoro!

  13. Grazie Andrea, ho risolto il problema. Ora comincio a lavorarci.
    Ora (non so se hai già trattato l’argomento in un tutorial successivo) vorrei temporaneamente “nascondere” al pubblico le modifiche al sito mentre il sito stesso “cresce”.
    Sai dirmi come si fa?

  14. Ciao andrea ho cominciato a seguire i tuoi tutorial e li trovo ottimi come tutti i prodotti marchiati TP. Ho scaricato l’ultima versione di WP e ho provato ad usare lo spazio gratuito che mettono a dispoizione per provare, non ho bisogno quindi di un programma ftp(come il citato Cyberduck)? Inoltre nella pagina di gestione personale del sito non è presente la voce plugin come invece si vede (e si usa in parecchi tutorial successivi) dal monitor del tutorial. Dubito che WP abbia deciso di eliminare la possibilità di usare i plugin

    • Ciao Paolo, ben arrivato tra i WordPress Addicted!
      Nulla di strano in quello che dici, avere un blog su wordpress.org è molto differente dall’installare il cms su un proprio spazio web. Nel tuo caso i limiti sono differenti e non di poco conto, tra cui l’impossibilità di utilizzare plugin. E’ solo questione di tempo ma… sono sicuro che a breve farai il grande salto ovvero, registrare il tuo dominio e sfruttare così tutte le caratteristiche che WordPress mette a disposizione 😉

  15. Sto impazzendo (notare l’ora :( ), ho un problema con la visualizzazione del mio sito.
    ho creato in locale il mio sito e fin qui non ho riscosso grandi problemi.
    Il mio spazio web però contiene già un sito, quindi prima di eliminarlo definitivamente, ho caricato quello nuovo in una cartella e non direttamente nella root. Quindi accedendo al mio sito http://www.gsachiari.it/gsa (ho caricato il sito nella cartella gsa) dovrei visualizzare il mio nuovo sito giusto? E invece vedo una pagina bianca con scritte e link :((((( cosa ho sbagliato?
    Spero riuscirai ad aiutarmi, i vostri tutorial sono fantastici, e quando finalmente riuscirò a mettere online il mio sito vorrei chiedere il tuo parere :)
    Intanto grazie in anticipo

    • Ciao Chiara. Hai fatto l’upload di tutti i file? Se hai creato il sito in locale per poi trasferirlo sul tuo spazio web, hai modificato i valori “Indirizzo WordPress” e “Indirizzo sito” in Impostazioni/ Generali?
      Fammi sapere 😉

  16. Ciao si i file penso di averli trasferiti tutti ovvero l’intera cartella contenente tutto wordpress, e ho provato a cambiare le due voci che mi hai detto.
    Ora il sito in remoto lo vedo come prima :(
    e in locale non riesco più a vederlo…

    • Due siti, due database. Se mantieni il sito in locale oltre a quello in remoto, devi avere due wp-config.php, uno per ogni installazione.
      Cambiando le voci di cui sopra, modifichi le informazioni in favore del nuovo sito, ma perdi le impostazioni per quello vecchio (locale). La cosa corretta da fare in questi casi è esportare/ copiare il database del sito in locale, importarlo in un database vuoto da utilizzare con il nuovo sito online.
      Le puntate dedicate a WordPress delle prossime settimane tratteranno proprio questo argomento, nel frattempo ecco un prodotto che potrebbe fare al caso tuo 😉

  17. è proprio quello il problema con i soliti dati non mi fa accedere alla bacheca, mi tornano i campi da riempire bianchi.
    avrò combinato qualcosa… Non fa niente… non ti disturbo più, ti sto facendo solo perdere tempo.

    Grazie comunque dell’aiuto, bisognerebbe che qualcuno entrasse nel mio pc a sistemare tutto, ma credo sia impossibile…

  18. Ciao Andrea,
    Finalmente sono riuscita a pubblicare il mio sito, solo che inavvertitamente ho usato un tema non responsive e quindi sul pc si vede giusto, mentre su tutti gli altri Device no.
    Vorrei chiederti un consiglio: è possibile renderlo responsive tramite codice? Se si è difficile?
    O mi consigli di cambiare tema e rifare tutta la parte grafica?

    Grazie mille :)

    • Ciao Chiara. Per iniziare, complimenti per la pubblicazione del tuo sito, ottimo lavoro 😉
      Ora, rendere responsivo un tema WordPress è un lavoro assolutamente fattibile ma richiede un minimo di destrezza con HTML e CSS.
      Se hai tempo e passione per metterti all’opera vai, ci vorranno ore di lavoro ma servirà a fare pratica.
      In caso contrario, esistono temi per tutti i gusti, bellissimi e responsivi; se vuoi una soluzione pratica direi che puoi prendere questa strada.

    • Ciao Tommaso. Dammi qualche indicazione in più per poterti aiutare; con sito abbastanza buono cosa intendi? Un sito dove scaricare plugin? Di quale plugin hai bisogno?
      Attendo…

  19. Ciao Andrea, che video illuminanti!! Sono davvero felice di avervi conosciuto: adesso anche se ho già dominio,hosting & co. ricomincio a studiare perchè molte cose non le ho capite. Purtroppo mesi fa ho acquistato un corso che non vale assolutamente i 100 euro spesi :(
    Una domanda subito, se posso: ma perchè devo modificare wp-config ? non ho capito il motivo: cosa accade se non lo cambio? (cosa che non ho mai fatto…)

    Grazie in anticipo! E complimenti!!!

    • Ciao Maura! grazie mille per i complimenti, felice che il nostro lavoro ti sia utile 😉
      Per configurare WP, è sufficiente andare all’indirizzo del proprio dominio subito dopo aver caricato i file via ftp.
      Sarà WP stesso a guidarti nella compilazione dei campi richiesti, ovvero i dati relativi al database.
      Quello che accade più nel dettaglio, è proprio la generazione di un file wp-config.php con i dati immessi e la creazione delle tabelle necessarie all’interno del DB, ammesso che quest’ultimo sia completamente vuoto.
      In caso contrario, per esempio mettendo on line un sito inizialmente sviluppato in locale, è necessario seguire la procedura del video tutorial editando manualmente il wp-config.php.
      Spero di esserti stato d’aiuto 😉

    • Grazie per la risposta.
      Non credo di aver capito. Posso dirti che non ho mai lavorato in locale, non saprei nemmeno come si fa. L’unica cosa che ho saputo fare è attivare il maintenance mode dopo aver visto uno dei vostri tutorial (almeno chi inciampa nel mio sito non si trova cavolate 😛 )

      Però se vado in wp-config-sample php, le scritte DB_NAME ecc sono sempre quelle, non ci sono nome del mio database o password.

    • Il wp-config-sample.php è solo un punto di partenza per creare un file wp-config.php; per farlo manualmente basta duplicarlo, rinominarlo ed inserire i dati necessari.
      Quando fai l’installazione seguendo la procedura, il wp-config.php viene generato automaticamente.
      Solo per completezza… ora non preoccuparti, WordPress è installato e puoi proseguire; molte cose diverranno più chiare nel tempo 😉

  20. Grazie! Ho capito adesso cosa vuol dire lavorare in locale. Caspita, ma poi se lo faccio mi devo poi passare tutto online….
    Ok capirò più avanti 😉

  21. Introduzione a WP..
    cio’ implica una nuova serie di lezioni dedicate a WP ripreso da zero??

    Cosa cambia rispetto alle lezioni gia’ presenti sul sito ( 150+ )??

    • Ciao Nicola! Sì, un nuovissimo percorso dedicato a WordPress partendo da zero, con gli strumenti aggiornati e tecniche più fresche di quelli girati nel 2012

  22. Ho seguito passo passo tutta la procedura che hai chiaramente illustrato ma una volta creato il database “testdb, non riesco a stabilire la connessione da WordPress.

    • Potrebbe essere un problema legato alla password o all’user name del database. Prova a verificare le credenziali all’interno del file wp-config.php.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *