×

La creatività non va mai in vacanza...

ma il team di Total-Photoshop sì! :)
Risponderemo alle vostre richieste di assistenza a partire dal 21 agosto

CARICAMENTO...
  1. 6 consigli importanti per la progettazione di un logo
  2. Combinazione colore: la formula perfetta esiste
  3. Da richieste assurde ad arte
  4. 24 suggerimenti per creare un logo "che spacca" - 1a Parte
  5. Disegnare gli animali: 3 autrici da non perdere
1 / 5
Graphic Designer

6 consigli importanti per la progettazione di un logo

882 VISUALIZZAZIONI
PUBBLICATO IL: 10 settembre 2017

Ogni designer sa bene che il logo è il “volto” di ogni azienda/marchio, il biglietto da visita col quale il cliente decide di presentarsi al mondo intero. È quindi molto importante che abbia un design curato e funzionale perchè se ideato correttamente, in logo può essere veramente uno strumento molto potente così come può essere un’arma che si ritorce contro (al cliente in primis, e di conseguenza a chi lo ha progettato!).

Come qualsiasi lavorazione che coinvolge più competenze professionali specifiche, il design richiede  pratica ed esperienza per far sì che sia di successo. Le regole da seguire sono indubbiamente tantissime, ma tra le tante qui di seguito puoi trovare le 6 consigli che trovo essenziali per progettare un logo efficace.

  1. Lasciati ispirare, ma non copiare

    Non c’è niente di male ad osservare il lavoro fatto dai colleghi, c’è sempre da imparare. Così facendo si potrai trarre molte ispirazioni, conoscere tecniche nuove e vedere come migliorare il tuo metodo di lavoro, ma l’importante è non copiare il lavoro di altri designer! La copia delle idee o del lavoro di un’altra persona è moralmente e legalmente sbagliata, oltre ad essere poco stimolante per te stesso e, va da sè, poco originale nel risultato.

  2. Prova, prova e ancora prova

    Nel caso del design il metodo del “rasoio di Occam” non funziona, anzi è molto difficile che la prima idea abbozzata sia quella buona: nessuno disegna il logo perfetto in 5 minuti! Anche nel caso di famosi loghi “minimal” (penso ad esempio a Nike, Apple e così via), puoi stare certo che dietro ad un logo apparentemente semplice c’è uno studio accurato e la presentazione di diverse decine di bozze, prima di azzeccare la strada giusta. Quindi non temere e inizia ad abbozzare tutto quello che ti viene in mente e su qualsiasi supporto ritieni opportuno (anche un foglio di carta va bene!), penserai successivamente a fare una selezione e sviluppare le idee che ti convincono di più. Un bravo graphic designer sa che dovrà spenderà più tempo su questo lavoro preliminare rispetto che in qualsiasi altro passo nel processo di progettazione.

  3. Le dimensioni contano, e anche tanto

    Un buon logo deve apparire chiaro e leggibile a qualsiasi dimensione, di contro un logo che risulta poco leggibile se stampato su un supporto di piccole dimensioni (come ad esempio un biglietto da visita) non è un logo che funziona. Evita quindi scritte troppo piccole, tracciati poco spessi e colori troppo leggeri. Prima di consegnare le bozze al cliente, fai delle prove di leggibilità, dato che il modo più affidabile per determinare se un logo funziona a tutte le dimensioni è quello di effettivamente provare da soli: prova a stampare il logo su una carta intestata o su una busta, vedrai da solo se è ancora leggibile o se dovrai intervenire per migliorare qualche elemento.

  4. Osa!

    Una delle cose più importanti da sapere è che tutte le regole di progettazione che conosciamo possono essere infrante. Ovviamente la cosa non deve essere casuale, ma deve avere uno scopo ben preciso: un atto di “rottura” o di contrapposizione all’interno di un logo può essere la chiave giusta per trovare l’unicità che ti serve per rendere unico il tuo lavoro. Quindi: sperimenta sempre! Prova una varietà di stili differenti da associare, per trovare quelli che funzionano meglio per il tuo cliente. Prova combinazioni di colori differenti fino a trovarne una che renda il tuo design veramente originale. Ma soprattutto: divertiti con il programma di progettazione che utilizzi, e continua a modificare e a stravolgere il disegno fino a quando non sei completamente soddisfatto.

  5. K.I.S.S. (Keep it simple, stupid!)

    È una regola anglofona che probabilmente avrai già sentito nominare, che sostanzialmente si può tradurre in “più semplice è il tuo logo, più sarà funzionale e riconoscibile”.
    Segui questa regola fin dall’inizio del processo di progettazione e vedrai che dopo aver iniziato ad abbozzare ideecon un design relativamente complicato finirai per trovare una versione più semplice del logo, che ti piacerà di più. Lavora sempre con gli elementi essenziali e lascia fuori tutti gli elementi inutili, vedrai che il risultato ne gioverà.

  6. Vacci piano con “il circo”…

    I programmi di progettazione grafica sono strumenti estremamente potenti e che hanno molti filtri, ombre, sfocature, sfumature ed effetti che puoi applicare con pochissimi clic, giusto?
    Bene, quando stai progettando un logo dimenticateli: c’è tempo e luogo per utilizzare questi effetti, ma un logo – nuovamente – funziona meglio quando è semplice. Certo, esistono le eccezioni e ci sono casi particolari in cui questi effetti possono essere applicati, ma tendenzialmente il tutto va fatto in maniera lieve e solo per certe tipologie di logo (ad esempio per i software o per i siti internet). Come regola generale, ricorda che la semplicità è la chiave, sempre.

6 consigli importanti per la progettazione di un logo

COMMENTI (0)

Lascia un commento


Pubblica commento

Total-Photoshop è di proprietà di Logic Media s.r.l.
Via Staurenghi 37, 21100 Varese - Telefono e Fax: 0332.288642 - P.iva: 03269350124