×

La creatività non va mai in vacanza...

ma il team di Total-Photoshop sì! :)
Risponderemo alle vostre richieste di assistenza a partire dal 21 agosto

CARICAMENTO...
  1. Flash a slitta e flash da studio: potenze a confronto
  2. Filtri a densità neutra - parte 2
  3. Ombrelli deep: il telo diffusore
  4. Ritratto creativo con il flash a slitta
  5. Ombrelli deep non solo per i giorni di pioggia
1 / 5
Managing Director at APROMASTORE

Flash a slitta e flash da studio: potenze a confronto

970 VISUALIZZAZIONI
PUBBLICATO IL: 24 novembre 2016

Il confronto della potenza tra un flash a slitta e un flash da studio è senza dubbio un quesito che si pone chi vorrebbe passare dall’uno all’altro.

Unità di misura

Sui manuali e i cataloghi, la potenza dei flash a slitta viene indicata con il Numero Guida, mentre quella dei flash da studio con i Ws (Watt secondo).

Bisogna precisare che il Ws è una misura di energia assoluta, nello specifico quella immagazzinata dai condensatori ed emessa dal tubo flash. Il Numero Guida, invece, è la misura dell’esposizione ottenibile con il flash, condizionata da diversi fattori quali: distanza, sensibilità e angolo di irraggiamento luminoso. Per far si che il valore del Numero Guida di un flash sia confrontabile con altri, deve sempre essere seguito da questi tre valori. Esempio: NG 58 a 1m, 100ISO, 105mm.

Prima dell’avvento degli odierni automatismi, il particolare formato del Numero Guida (NG) era pensato per dare al fotografo una chiara indicazione della corretta esposizione. Infatti, dividendo il Numero Guida per la distanza in metri è possibile ottenere il valore di diaframma da impostare in macchina.

Misurazione della potenza

Abbiamo, quindi, capito che per confrontare Ws e NG è necessario procedere in modo sperimentale, misurando il valore di esposizione del flash a slitta e del flash da studio. I due flash che abbiamo deciso di mettere a confronto sono:

Phottix Mitros+:  NG dichiarato 58 a 1m, 100ISO, 105mm

Elinchrom D-Lite One: 100 Ws

Per minimizzare le differenze di emissione dei due tipi di flash li posizioniamo all’interno dello stesso softbot perché quello a slitta ha un’emissione quasi puntiforme, mentre quello da studio è molto più ampio. Il softbox che abbiamo scelto è ottagonale da 1 metro di diametro. La misurazione verrà effettuata a 1 metro di distanza, al centro del softbox.

Ora che disponiamo di tutti gli strumenti di cui abbiamo bisogno possiamo procedere con le misurazioni.

set-mitros

Set Mitros+

Per posizionare Mitros+ nel softbox dobbiamo utilizzare Phottix Cerberus, un pratico sistema per utilizzare tutti gli accessori dei flash da studio anche con i flash a slitta.

cerberus

Cerberus

Risultato: la misurazione dell’esposizione del Mitros+, fatto lampeggiare in manuale a piena potenza, è di f/10 e due decimi.

lettura-mitros

Lettura Mistros+

Ora posizioniamo il DLite ONE sullo stativo, regolato alla massima potenza.

set-dlite

Set DLite One

Abbiamo installato lo stesso softbox, questa volta senza adattatori.

dlite

DLite One senza adattatori

Risultato: la lettura dell’esposizione è la medesima del test precedente, ovvero f/10 e due decimi.

lettura-dlite

Lettura DLite One

Conclusioni

Dopo i nostri esperimenti, possiamo dedurre che un flash con NG 58 a 1m, 100ISO, 105mm è in grado di erogare una potenza di circa 100Ws.

Flash a slitta e flash da studio: potenze a confronto

FOCUS TAG

COMMENTI (0)

Lascia un commento


Pubblica commento

Total-Photoshop è di proprietà di Logic Media s.r.l.
Via Staurenghi 37, 21100 Varese - Telefono e Fax: 0332.288642 - P.iva: 03269350124