CARICAMENTO...
  1. 23 ragioni per cui il tuo sito web fa schifo
  2. Buon compleanno Total-Photoshop, 10 anni di creatività da festeggiare insieme
  3. La funzione Disegno Simmetrico di Photoshop CC2018
  4. Il nuovo strumento Penna Curvatura di Photoshop CC2018
  5. Illustrator CC2018: 4 utili scorciatoie da tastiera
1 / 5

23 ragioni per cui il tuo sito web fa schifo

77911 VISUALIZZAZIONI
PUBBLICATO IL: 13 Luglio 2011

23 ragioni



Facendo le mie solite passeggiate per il web mi sono imbattuto in questo simpatico articolo di Ruben D’Oliveira su 1swebdesigner.com che spalleggia una serie di tesi che da anni sostengo e che vorrei condividere con voi.
Fosse anche solo per mettere in chiaro degli argomenti che possano, una volta per tutte, essere chiari, non solo ai neofiti, agli appassionati del web, a chi inizia ma anche e soprattutto a chi, del web, ha deciso di farne una professione.
Quello che leggi qui non è un estratto o una traduzione dell’articolo di Ruben (che ringrazio per il supporto e la straordinaria gentilezza) ma, semmai, una rimarcatura di concetti che dovrebbero essere universali.
Il fatto che però li rimarchiamo significa che tanto universali non sono.

Io stesso sono impegnato, oltre che nell’attività fotografica e di formazione, in continue azioni di consulenza e di sviluppo di progetti web che mi vedono fianco a fianco con responsabili marketing, dirigenti di aziende e altri consulenti che, spesso, si fanno trascinare dagli entusiasmi tecnologici ma non prestano attenzione alle regole di base che, chi vuole fare web dovrebbe sempre ricordare.

Ecco quindi le 23 ragioni per cui il tuo sito fa “schifo”

E lo dico senza pietà.
Sappiatelo. Non sarò gentile. Proprio come il titolo di questo articolo.
So già che farò saltare i nervi a molti ma… qualcuno deve pur farlo.
Lo scopo non è mancare di rispetto a qualcuno o denigrare gli sforzi di chi inizia. Anzi, semmai è il contrario. Ti propongo di valutare una serie di errori in modo tale da non incorrervi e non rischiare di vanificare degli sforzi che potrebbero essere indirizzati in altro modo.

1) Stile grafico e regole del buon bilanciamento
Il bilanciamento degli elementi grafici non è un vezzo. Le regole Vitruviane della proporzione aurea e dell’armonia degli elementi grafici sono valide dal primo secolo avanti Cristo e il fatto che non siano cadute in prescrizione significherà pure qualcosa.
Sappiamo bene che le regole nell’arte, nella fotografia, nella produzione video e nella comunicazione in generale sono fatte per essere violate con il fine di trovare soluzioni innovative. Si chiama “sperimentazione”. Ciò nonostante dobbiamo essere in grado di produrre layout capaci di trasmettere armonia ed equilibrio per fare sì che il nostro utente abbia una mappa visiva da utilizzare e non venga confuso.
Capire i concetti del bilanciamento visivo è facile: prendi una guida di base sulla composizione grafica e tutto sarà chiaro.
Molto spesso questo basta già a fare la differenza tra un buon layout ed uno disastroso.

2) Estrusione ed effetti di finta tridimensionalità
Lo so… fa sempre venire l’acquolina in bocca il fatto di poter creare elementi grafici con il classico “Bevel & Emboss”. Pulsanti, leader e titoli con effetto “cuscino” o “mattonella” pensati per conferire un aspetto “solido” al layout.
La verità è che la grafica web che abusa di questi elementi è pesante e noiosa oltre a dare un aspetto “provinciale” e poco professionale.
Questo non vuol dire “non usare mai pulsanti solidi”.  Semmai impara a dosarne la presenza in modo tale che le tue pagine web non sembrino dei “gonfiabili” o dei fogli di carta incisi e cesellati nel peggiore dei modi.

3) Sfondi eccessivamente creativi
Si, bisogna essere creativi. Bisogna distinguersi e saper comunicare in modi originali per uscire dagli schemi di massa.
Ma quando il tuo sito web ha come sfondo una composizione di immagini che tende ad essere più importante del contenuto vero e proprio allora… il tuo sito fa schifo!
Usa la creatività per creare quello che nella Gestalt viene definita la legge della “Buona continuazione” ossia, in sintesi, la capacità di non distrarre la percezione di chi osserva con elementi di disturbo che interrompono continuamente la lettura del contenuto. Che sia un dipinto, una foto, un cartellone pubblicitario o un sito web la regola vale ovunque.

4) Assenza di dettagli significativi.
I capi scuola dei dettagli nelle pagine web sono sicuramente gli sviluppatori del sito Apple e BlackBerry.
La vecchia legge che recita “Less is More” (“Meno è già di più”) vale oggi più che mai.
Inserisci dettagli grafici  che conferiscano personalità e carattere alle tue pagine, studia siti web ed opere digitali di sviluppatori e designer che creano siti pregiati, emozionali e comunicativi. Evita di riempire le tue pagine con elementi che distraggono e non aggiungono nulla al contenuto vero e proprio.

5) Cattiva gestione dello spazio vuoto
Si chiama “aria”.
Le pagine web piene “di roba” con colonne riempite fino al soffocamento di news, banner, immagini, widget di ogni genere e sorta non sono siti  che danno tante informazioni. Sono solo incasinati.
Libera più spazio che puoi e lascia “respirare” i tuoi contenuti.
La logica è la stessa della musica. Noi percepiamo il suono grazie alle pause di silenzio. Se queste mancano hai un martellamento continuo di suoni e non siamo in grado di gustarci nessuna melodia.

6) Intro in Flash
Le odio. Letteralmente!
Adoro Flash e tutte le possibilità che mi da ma odio i siti web con le intro in Flash.
Fanno perdere tempo, sono pesanti e dopo la prima volta che le hai viste la seconda già ti rompono le palle.
Devo dire altro?

7) Musica di sottofondo.
Amo la musica. In tutte le sue forme. Ma amo scegliere se ascoltarla oppure no. Regolarne il volume o cambiare sottofondo.
Se proprio devi mettere la musica nelle tue pagine web non obbligare il tuo utente ad ascoltare terribili file midi che cambiano ad ogni apertura di ogni nuova pagina.
Metti a disposizione un player ed una play list ma, soprattutto, lascia decidere all’utente se vuole ascoltarla oppure no.
Sappi, in ogni caso, che stai inserendo un elemento che rallenta l’esecuzione delle pagine.
A te la scelta.

8) Tabelle per i layout.
Come dire…?
C’è ancora qualcuno che usa le tabelle per impaginare le pagine web? La risposta è: sì.
Mannaggia, sì.
E il risultato sono siti incasinati con layout che si spaccano continuamente.
Se dovete lavorare così almeno abbiate la decenza di non firmare il sito, non dite che siete “webmaster” e, più importante di tutti, non fatevi pagare!
Io non ce l’ho con le tabelle, ce l’ho con il cattivo uso delle tabelle.
Queste vanno utilizzate in situazioni specifiche e con il massimo del gusto e della linearità.
Come? Il gusto è personale?
E’ vero.. ma ci sono layout che sono universalmente considerabili brutti e inefficaci semplicemente perché mal progettati o sviluppati con gli strumenti sbagliati. Come le tabelle.

9) Uso schizofrenico dei colori.
Esistono tante patologie neurologiche. Una di queste, credo, è quella relativa al cattivo uso dei colori.
Scherzi a parte… la conoscenza del colore e della creazione di accostamenti armoniosi o con i giusti contrasti non è una cosa semplice. Lo so. Ma bisognerebbe studiarla. Altrimenti si rischia di fare dei gran pasticci e di rovinare progetti che, potenzialmente, potrebbero essere di grande successo.

10) Le barre di scorrimento
Se devi proprio ricorrere al cosiddetto “overflow” allora fallo sul serio. Non farmi apparire le barre di scorrimento laterali o orizzontali perché hai sbagliato i calcoli di 10pixel!

11) Effetto luna park con le animazioni
Questa cosa mi fa andare fuori di testa.
Sto cercando di leggere qualcosa sul tuo sito mentre il mio occhio viene continuamente distratto da una stupida animazione in loop del logo della tua azienda.
Non mi devi ipnotizzare, devi trasmettermi informazioni!
Piantala di far girare palline saltellanti o scritte fatte con Swish per tutte le pagine!

12) Pietà per i browser
Lo so, mi rendo conto, il browser perfetto non c’è.
Ed è difficile che i signori della guerra dei browser si mettano veramente d’accordo.
Ma ti prego…. fallo perché mi vuoi bene oppure fallo per farmi un dispetto… cerca di fare in modo che le tue pagine siano più simili possibili su tutti i browser!
Lo so che richiede qualche conoscenza in più e qualche sbattimento ulteriore ma, credimi, ne guadagnerai in credibilità.

13) Navigazione a (s)vista
Se entro in un sito e non capisco come accidenti navigarlo entro 7 secondi vado a cercarne un altro sullo stesso argomento.
Sono stato abbastanza chiaro?
La navigazione è importante, fondamentale e indispensabile la sua chiarezza.
Se l’utente non ha punti di riferimento chiari e intelligibili non sa dove andare e tutti i tuoi contenuti sono inutili.

14) Temi di WordPress o di Joomla a gogò
Esistono temi straordinari e temi straordinariamente inutili.
Scegli accuratamente il tema per il tuo CMS perché quello deve supportare l’identità di tuoi contenuti.
Se non sei capace di personalizzarlo adeguatamente allora, per favore, chiedi aiuto a chi lo sa fare.
Non spacciarti per creatore di siti web se non fai altro che comprare o scaricare temi per i CMS.
Il web master fa un’altro lavoro.

15) Informazioni difficili da trovare.
Se hai tante informazioni sul tuo sito, se hai tanti contenuti o sei capace di organizzarli e di renderli facilmente accessibili oppure, abbi pietà, inserisci un accidenti di motore di ricerca per farmi trovare le informazioni che mi servono.

16) Immagini per i titoli? No grazie.
Oggi è possibile utilizzare i web fonts. Se puoi evitare di utilizzare le gif o le png per i titoli fallo. Ne va anche della tua presenza sui motori di ricerca.

17) Immagini pesantissime.
Non basta ridimensionare un’immagine usando le maniglie di ridimensionamento in Dreamweaver. Bisogna ottimizzarne il peso.
Altrimenti mi fai aspettare un quarto d’ora per vedere un’immagine (magari brutta) prima di poter vedere il resto della pagina.
Se poi, dopo tanta attesa, il tuo contenuto fa pure pena allora sappi che ti sei guadagnato una bella serie di accidenti da parte mia.
Se ti fischiano le orecchie sappi che sono io o altri come me.

18) Fatti capire!
La comunicazione è fatta anche di messaggi ambigui. E’ vero.
Ma se nella tua comunicazione, grafica e testuale, non si capisce immediatamente di cosa stai parlando allora mi stai facendo perdere tempo.
Sono convinto di navigare su un sito per parrucchieri e invece mi rendo conto, dopo diversi click, che tratti di prodotti per cani!

19) Ultimo aggiornamento: 20 febbraio 2009
Quando vedo queste indicazioni mi verrebbe da spaccare il monitor.
Piuttosto non metterle!
Gli aggiornamenti sono importanti e sappi che hai “sempre” qualcosa di nuovo da raccontare. Se devi fare un sito “vetrina” sappi che la vetrina va rinnovata e cambiata periodicamente.
Sono i contenuti che fanno la differenza.

20) 404!
I link rotti sono una cosa fastidiosissima ma possono succedere. O riesci a personalizzare la pagina 404 oppure assicurati  che tutti i link all’interno delle tue pagine siano perfettamente funzionanti.
Esiste una simpatica funzione in Dreamweaver che ti consente di verificare tutto ciò prima della pubblicazione.
Usala.

21) Morte al Comics!
Ti prego… te lo chiedo in ginocchio… non usare il font Comics per le tue pagine web. Mi fa venire da piangere.
Magari hai dei contenuti interessantissimi ma se vedo quel font mi viene immediatamente l’orticaria.
Scegliere il lettering non è una cosa da nulla ma, ancora una volta, piuttosto chiedi aiuto a chi più esperto di te oppure inizia a studiare le regole tipografiche.
Ne guadagnerai in professionalità e in qualità delle presentazioni.

22) AdSense in ogni dove.
Bisogna pur campare, dirai tu.
Si ma se mentre sto leggendo un tuo post interessantissimo continui a interrompermi la lettura con le pubblicità di Google io continuo a perdere il filo e mi distraggo. Non clicco sulle pubblicità e ti mando altre maledizioni.

23) I counter
Non farlo… non mettere l’odioso counter che fa vedere quante visite hai sul tuo sito.
Personalmente non credo ai counter a meno che siano quelli relativi alle iscrizioni a Facebook, agli Rss,a Twitter o alle statistiche degli iscritti ad un sito.
Senza contare che la maggior parte di questi sono brutti e fanno tanto anni ’80.
Le statistiche sono una cosa tua, o le sai usare e ha senso usarle, oppure, ti prego, evita di farmi vedere che hai avuto 119 visite.

Questi sono quelli che ho individuato io in questi anni. Sicuramente tu hai notato anche altro.
Di fatto, e qui concludo, erogare un servizio professionale non è una cosa sulla quale improvvisarsi. Molto spesso le cose che ho scritto in modo provocatorio non te le spiega nessuno se non hai fatto una scuola ad hoc o se non hai esperienza sul campo.
Per questo ritengo che la formazione continua (online e offline) sia importantissima.
Per questo credo che il confronto fra professionisti sia vitale.
E per questo credo che ci sia sempre qualcosa da imparare e che si possa farlo con ironia e senza prendersi troppo  sul serio.
Tu che dici?

Max Furia

Photo credits: Molly - Fotolia.com

23 ragioni per cui il tuo sito web fa schifo

FOCUS TAG

COMMENTI (75)

Domenico Marconi
13 Luglio 2011 - 13:13
24. Il sito online espone al pubblico la vostra situazione psicofisica: siate certi di essere patologicamente negati alla forma, spazio e script.
cicos
13 Luglio 2011 - 13:39
Morte al Coooomics! E non solo sui siti web:annunci,volantini,biglietti ogni cosa scritta in comics viene automaticamente da me vista come "omissis", a spazio bianco. Morte al cooomics!
aster
13 Luglio 2011 - 14:07
assolutamente d'accordo. e odioooo chi prende il mio minimal e il mio bianco per "vuoto", lo odio tantissssssimoooooooo!!!!
Domenico Marconi
13 Luglio 2011 - 14:24
Aster, se mettiamo un quadro a muro disegnato di solo bianco con cornice c'è chi vede anche l'Autostrada fotografata al massimo di un flash da 200W. Sai l'interpretazione è così soggettiva che è meglio non indagare perchè non saremmo mai in grado di capire le cognizioni dell'interpretazione del vuoto infinito che un bianco possa comunicare.
Ragno
13 Luglio 2011 - 15:47
24: Impariamo a scrivere in italiano prima di sputtanare gli altri.
Max
13 Luglio 2011 - 15:30
Curioso accostamento il tuo, Ragno :D
antonio carosi
13 Luglio 2011 - 15:18
Grazie Max! + articoli così!!
Domenico Marconi
13 Luglio 2011 - 16:04
x Ragno: qua nessuno sputtana nessuno.... e poi su cosa ? non comprendo la tua lamentela.
Daniele Bandini
13 Luglio 2011 - 18:52
Ciao Max ma questi sono i 23 comandamenti del 20 secolo o sbaglio?!?scherzi apparte..tutti mi sembrano validi e giustissimi,ma su uno in particolare mi vorrei soffermare e più esattamente su quello che riguarda la barra spaziatrice?!Non è che a breve postate qualche video su Total-Photoshop su questo increscioso argomento?!Spero succeda e nell'attesa ancora di nuovo i miei complimentoni perchè nonostante il caldo incombente voi siete sempre qui..Ciao e Grazie!!
vix
13 Luglio 2011 - 19:43
Bhe il vosrto non è che sia il massimo della bellezza. a parte che è un template ma c'è ne sono a miliardi molto piu carini...
Max
14 Luglio 2011 - 09:49
Per esempio? Se vorrai segnalarmene qualcuno di più adeguato te ne sarò grato. Anzi, faccio di più. Se mi trovi un tema che possa utilizzare per il nuovo layout di TP ti offro un'ora di consulenza gratuita in video conferenza sull'argomento che vuoi tu ;-) Utilizza pure il modulo dei contatti per inviarmi le tue segnalazioni. Come dicevo nell'articolo, l'importante è sapersi mettere in discussione, confrontarsi e farlo con un po' di ironia. Hai visto mai che da sta cosa salta fuori il tema vincente per il nuovo Total-Photoshop :D ?
mik
14 Luglio 2011 - 12:49
hahahahaaahahhaah..... concordo su certi punti .... ma mi sa che anche tu caro mio devi riguardarli molto bene :D :D:D
Max
14 Luglio 2011 - 12:05
Sempre pronto a ridiscutermi, Mik ;-)
me stesso
16 Luglio 2011 - 11:21
per la faccenda delle intro in flash se il resto è fatto in html esiste il tasto skip.. che dovrebbe far saltare l'intro..
me stesso
16 Luglio 2011 - 11:42
per gli adsense non si possono togliere come bisogna fare per toglierli ? Nel seguente sito non ci sono: www.moromacchine.it Che ve ne pare ?
Antonio
16 Luglio 2011 - 16:33
A mio avviso manca un 24esimo punto: L'assessibilità, siti e portali sviluppati secondo la legge Stanca...Una cosa inutile? Personalmente l'abolirei! Vorrei sapere cosa ne pensa Max su questa norma cavillosa che somiglia tanto alle norme Ue sui centimetri che devono avere le banane per essere commercializzate, piuttosto che la circonferenza dei kiwi. ciao Antonio
marco paganelli
17 Luglio 2011 - 17:40
Trovo tutto interessante, anche se spesso ci viene richiesto quello che non vorremmo fare. Vaglielo a dire tu...che non è bello farlo in un certo modo... O fai come chiedono....o si perde la pecunia...!! Ad ogni modo...complimenti...e continua cosi...
Max
18 Luglio 2011 - 09:06
Vero quello che dici, Marco. Vero anche che il nostro compito di consulenti è fornire degli orizzonti corretti alla clientela. So che ci sono clienti con i quali non si può fare e allora si bada al cassetto. Ma ovunque si possa aprire uno spiraglio è importante farlo. Personalmente quando trovo clienti così rispondo sempre: "Io posso fartelo come me lo hai chiesto... sappi che è tecnicamente ed economicamente sbagliato e stai buttando via i tuoi soldi.. vedi tu. Io sono l'esperto e ti dico che si dovrebbe fare in un'altra maniera. I denari sono i tuoi, valuta attentamente."
Max
18 Luglio 2011 - 09:20
Trovo questa cosa dell'accessibilità importante da una parte ma anche sovra dimensionata dall'altra. La legge Stanca, a par mio, soffre di un eccessivo formalismo e non è stata creata pensando alla pragmatica delle cose. Io sostengo che i siti delle amminstrazioni pubbliche devono necessariamente garantire un'accessibilità ed usabilità maggiore di quelli dei privati ma, guarda caso, di fatto non mi sembra che questa cosa sia rispettata. Inoltre per il web della PA si spendono palate di denari (strano vero?!) assolutamente ingiustificati. Un esempio è il famoso e discusso portale italia.it, costato centinaia di migliaia di euro e con una resa imbarazzante. Total-Photoshop ha un ranking più alto di questo sito. Per chiudere: usabilità e accessibilità sì, ma con ragionevolezza e contestualizzandone le necessità.
Max
18 Luglio 2011 - 10:34
Caro "me stesso"... questo è proprio un bell'esempio di sito che non dovrebbe essere messo online. Aggiungo quindi il 24esimo punto: l'utilizzo dei Frame! Sono deprecati, scomodi e brutti da vedere. Non è una critica personale, non prenderla come un brutto commento da parte mia. So che l'esperienza si costruisce anche con gli errori. Teniamone conto quando svilupperemo il prossimo sito ;-)
Max
18 Luglio 2011 - 10:07
Questa è la risposta che danno in molti sulle intro in Flash. Ma la mia contro domanda è: perchè devo mettere uno "skip intro" su una cosa inutile in partenza occupando comunque banda e tempo del mio utente che, nella gran parte dei casi, solo vedendo una possibile intro in Flash rischia di girare i tacchi e cercare un altro sito?
Michael
18 Luglio 2011 - 13:25
Che dire... sono perfettamente d'accordo con te, anche io sviluppo siti web e molte volte trovo siti, fatti anche da web agency di un certo livello che fanno veramente pena ed è meglio che non dica cosa vola nel mio ufficio... :).... però molte volte, specialmente per il professionisti che hanno a che fare con dei clienti che si affacciano per la prima volta sul web non è facile fargli capire cosa è meglio o cosa è peggio... mi riferisco alle intro in flash, alcune volte sei costretto a metterle, perchè il cliente non ne vuole sapere.... Un'ultima cosa, il web, specialemtne quello italiano e immerso in siti fatti con i piedi o fatti dallo smanettone dopo cena che per pochi euro mette su un sito (che ovviemtne vale pochi euro), questo accade perchè, almeno per la mia esperienza, la gente crede ancora che il web sia un giochino; però io non ho mai visto nessuno guadagnare da un giochino... ho visto persone che pretendevano da me e-commerce per poche centinaia di euro... no-comment...
Max
18 Luglio 2011 - 13:26
Caro Michael, so bene che le cose non sono semplici. Trattare con la clientela e con le agenzie che devono fare i conti con il fatturato non è una passeggiata. Personalmente utilizzo questo metodo che, magari, varrebbe la pena di approfondire in un articolo: - Ascolto quello che ha da dire il cliente - Gli spiego come funziona il web - Gli spiego i rischi che corre se fa scelte sbagliate - Gli pongo delle domande su che risultati gli interessa produrre dal suo sito web - Gli chiedo quanti visitatori vuole avere - Gli chiedo se si aspetta di vendere di più o di meno grazie al sito web - Gli chiedo se vuole affidarsi ad un professionista oppure se vuole solo spendere poco A seconda delle risposte che ricevo decido se prendere o meno il cliente. Il più delle volte dopo aver fatto la mia chiacchierata consiglio al cliente di farsi fare delle altre offerte e di porsi delle domande se vede eccessiva differenza di quotazioni. Ecommerce a due lire? Beh... potrei fare il nome di un cliente, un grande nome della metal meccanica italiana che mi ha chiesto un preventivo per un ecommerce che non potevo quotare meno di 15mila euro. La sua risposta è stata: i tuoi concorrenti me lo fanno a 600 euro perchè usano gli stagisti! Risultato: ha un sito che fa schifo (parole sue) e un ecommerce finto che non funziona da ecommerce. Però è costato solo 600 euro :D
Michael
18 Luglio 2011 - 14:22
Bravo Max, è prorpio così, sono felice che ci siano persone come te e come tante altre (almeno spero che siano tante) che prendono questo lavoro con passione e affrontano ogni progetto come una nuova sfida, perchè sono convinto che questo sia un lavoro che richiede oltre allo studio e all'aggiornamento continuo, anche una buona dose di passione e sicuramente una predisposizione che nessuno ci può dare... Ci sono troppi presunti professonisti che fanno questo lavoro, con risultati scadenti; ma come si suol dire: "tutti i nodi vengono al pettine"... Penso che un sito web debba essere curato oltre che per i contenuti, grafiche ecc, anche e soprattutto per la sua usabilità, perchè non dobbiamo mai scordarci che come si cercano di togliere le infrastrutture per le persone diversamente abili; anche un sito se fatto male mette difronte a queste persone delle infrastrutture di non poco conto, per quello che mi riguarda per un sito web e per internet in generale è un'assurdità, perchè è lo strumento di esempio che ha le potenzialità di mettere in contatto o anche di fare semplicemente acquisti a tutte le persone, indipendentemente dalle loro "capacità"... quindi un sito fatto male non permette tutto questo un sito fatto bene SI... Cmq hai prorpio ragione nel dire che è sempre bello confrontarsi tra Professionisti; e spero che farai un'articolo dove parli sul metodo con cui ti approcci al cliente.... Ciao Ciao ;)
Antonio Capone
19 Luglio 2011 - 11:43
ciao Max, complimenti per il tuo lavoro, molto apprezzabile e professionale, mi sono affacciato da poco al web e nn mi definisco affatto un web master, ma sono un grafico professionista da più di 15 anni (editoriale, pre-stampa), vorrei un tuo parere su questi ultimi siti che ho fatto: www.fabrizioiossa.it www.villavesevo.it tieni presente che sono anche un pò figli tuoi :-) un abbraccio Antonio
Max
19 Luglio 2011 - 12:49
Ciao Antonio, onorato dei tuoi apprezzamenti :-) Grazie. I siti che mi hai indicato sono un buon inizio. Due dritte: attento alle immagini che si aprono in pagine esterne, sono molto fastidiose e danno un'impressione di incompleto. Utilizza soluzioni come Lightbox per aprire gli ingrandimenti delle immagini. Ho pubblicato un tutorial sull'argomento. Visto che il tuo cliente si è registrato un dominio è un peccato che utilizzi un'indirizzo email @alice.it! E' come uscire con una bella donna, la vai a prendere con una bella macchina, la porti a cena in un bel ristorante e poi le chiedi di fare a metà del conto ;-) Dettagli come questi vanno spiegati al cliente. Avere un'indirizzo email come quello è come dire: ho un numero di telefono ma risponde il mio vicino di casa. Se fate quel numero lui mi chiama, io attraverso la strada e vi rispondo. So che molti sono affezionati al proprio indirizzo email storico ma l'immagine professionale è un'altra cosa. Per il resto mi sento di dirti che sei sulla trada buona. Siti semplici, facili da navigare e senza troppi fronzoli ;-)
Michael
20 Luglio 2011 - 08:29
Vabbè allora dato che ci sono linko una cosuccia che ho fatto... un po di commenti anche se brutti non possono fare che bene ;) E' un sito realizzato per un'agenzia immobiliare http://www.venditacaseappartamenti.it/public/ in questo sito sono inseriti anche i virtual tour che faccio semrpe io e questo è il link di un'immobile a cui è stato fatto... http://www.venditacaseappartamenti.it/public/descrizione.php?id=26 basta cliccare sul pulsante rosso "virtual tour"
Antonio Capone
20 Luglio 2011 - 16:01
Niente di personale Michael, va ceramente brutti esteticamente, senza nessuna "regola grafica"... con simpatia Antonio
Roberto
24 Luglio 2011 - 16:44
Salve a tutti e pazientate xche sono nuovo in tutto questo... Salve Max.. Salve a tutti voi.. la ringrazio ed era tanto che cercavo un SIGNOR sito riguardante i tutorial e dritte.. Mi sono appena buttato in un mondo che mi piace e che mi incuriosisce sempre di più.. Ho appena creato un sito(il mio primo sito)per un amico e con l'aiuto di un fotografo,nn amo i template xche nn avrei un identità mia.. Sn autodidatta e a 43anni da esperienze diverse e una padella alla brace.. Il sito è in html e in stile e lo lasciato in bella mostra basta vedere le origini in visualizza del browser ..ma questo lo posso spiegare a chi me lo chiede.. Mi piacerebbe che qualcuno mi dicesse delle critiche ho quello vhe nn và da parte vostra e di voi che seguite Max... Il sito lo finito una settimana fà e 3gg fa e percaso sn imbatutto sul vostro sito e leggendo alcune regole e studiando altri siti e a question di logica devo dar ragioni..Bhè visto che è domenica faccio una buona domenica tutti e in attesa delle vostre critiche ho Flash da domare...ciao
Roberto
24 Luglio 2011 - 17:18
scusate sono sempre io ho dimenticato di inserire il sito: www.ipanemasol.com.ciao di nuovo
Sam
25 Luglio 2011 - 12:23
Ciao Roberto, ho trovato molto carino e semplice il sito http://ipanemasol.com , però vorrei farti un piccolo appunto. Quando clicchi su webmaster, esce una bella paginetta bianca con la tua pubblicità, semplice ma d'effetto, poi sposto gli occhi sui tuoi servizi e leggo "Grafica T-schirt", questa è una piuttosto controproducente... =)
Bianca
26 Luglio 2011 - 15:26
Ahhaha adoro il tuo senso dell'umorismo macabro. Hai perfettamente ragione comunque, meglio leggere queste cose che hai scritto ed essere d'aiuto a gente come me che inizia a muovere i primi passi nel mondo del web. Cercherò di fare tesoro dei tuoi consigli, grazie di cuore. Ps. se capiti sul mio sito sii indulgente, devo ancora imparare tantissime cose :D
23 ragioni per cui il tuo sito web fa schifo | Il mondo di Paolettopn
26 Luglio 2011 - 18:11
[...] posso essere le  23 ragioni per cui il tuo sito web fa schifo. Ovvero come fare per non avere un sito / blog [...]
Serena Tudisco (@monachella79)
26 Luglio 2011 - 20:53
Chissà il mio di sito.... :D
Bianca
27 Luglio 2011 - 15:42
Certo puoi esserlo, intanto tu commenta poi io prenderò spunto da quello che scrivi! Non mi smontare subito su! ahahahah :D
Bianca
28 Luglio 2011 - 10:11
ahahah serena tranquilla, dopo ci do un'occhiata e vedo! ma non sono un'esperta! anch'io sono all'inizio, roba da mettersi le mani nei capelli! ahahah
francesco cappelli
29 Luglio 2011 - 13:36
quoto le 23 ragioni. c'è un forum perchè non usare quello 24esima ragione; 25esima: ricordarsi che ci sono utenti affiliati che magari gradirebbero nella home dei bei campi fioriti con le pecorelle e la scritta intervallo piuttosto che un semplice oblio. 26esima utilizzo di layout in base al dispositivo (concetto ripetuto da max) secondo un fluire web moderno legato al timing design implicante la capacità di sintesi (i siti web da "cronaca Vera" non ci interessano); 27esima e la più importante: far capire il "sesso", cioè l'utente deve essere messo nelle condizioni di capire come si fa ad ottenere quello che noi gli abbiamo "promesso". Ci avete promesso la manna? la vogliamo. condiamo poi il tutto con un po' di droga softwaristica abbinata ad una cultura medico di base dedita ancora all'arcana pratica del disegno (concept+proportio): cosa dimenticata da parte dei nostri bravi "cronachisti" (non me ne vogliano)
Fabio Limatola
05 Agosto 2011 - 15:15
L'articolo è quasi un saggio, ma alle volte il cliente chiede ciò che un webdesigner non vorrebbe fare, sai quanti vogliono l'intro in flash? me lo richiedono in molti, e sono che è antiSEO, però che fai rifiuti il lavoro per una intro? di questi tempi?? Allora perchè non curare una intro in flash tipo landingpage? :)almeno limito i danni ;) ripeto tanti bravi webdesign sono anche indicati nel realizzare siti meno belli, perchè il committente si ferma a pensare solo per metà.... saluti Fabio
marco
06 Agosto 2011 - 14:47
Penso di aver questi aspetti nel sito che sto facendo per una band di alcuni miei amici.. www.risinghoirizons.net e www.risinghoirizons.net/blog .. una piattaforma wordpress integrata con un phpbb3 forum, tema creato da zero con shortcodes e template personalizzati.. per me la cosa migliore è in assoluto creare da zero un tema:)
marco
06 Agosto 2011 - 14:11
* http://www.risinghorizons.net/blog http://www.risinghorizons.net/blog eh la fretta a volte xD
Scimiazzurro
08 Agosto 2011 - 01:59
Direi che allora i primi a dover rendere un po' meno caotico (togliendo qualche banner/immagine che si trovano affianco agli articoli o il megabanner nell'header) il sito sareste proprio voi di total-photoshop, asd… :P
Max Furia
08 Agosto 2011 - 09:47
Ehm...non confonderei la necessità di inserire pubblicità per la sopravvivenza con la discutibile fruibilità dei contenuti. Total-Photoshop ha una quantità moooolto moderata di pubblicità ed è sempre posizionata in punti della pagina che non creino fastidio nella fruibilità dei contenuti.
Domenico Marconi
11 Agosto 2011 - 12:29
Con il sistema WEB il termine grafico si arricchisce (o viene smontato) da requisiti tecnici-programmatici il cui prodotto finale, da realizzare, chiede. Molte aziende trasportano il termine grafico in un contesto dove la relativa professionalità perde la propria identità. Ci sono grafici che, erroneamente, per rimanere nell'onnipotenza del disegno (o impostazione css ecc..ecc..) entrano in un campo dove la propria espressione perde di risultato. Se ci sono alcuni siti scarseggianti di impatto la causa è da ricercarsi a questa NON scissione e NON identificazione del confine grafico e programmatico. I requisiti tecnici per cui un grafico abbia la propria riuscita a video è in stretta relazione con il programmatore html, java, actionscript ecc...ecc... E' compito di quest'ultimo percepire e translare l'espressione del grafico in un contesto comunicativo i cui requisiti tecnici esulano dal grafico stesso. La simbiosi è il punto di entrambe le figure. Ci sono programmatori (con le balls!) a cui non puoi assolutamente affidare il disegno di un form, si rischia di ottenere un prodotto improponibile.
Victor D
12 Agosto 2011 - 08:21
Ciao Max, nel tuo articoli parli di studiare i colori, studiare il lettering, di dosare il design e lo spazio vuoto. Vorrei chiederti dove posso trovare dei libri (italiano o spagnolo), dei tutorial o guide sostanziose sull'argomento. Cosi da poter migliorare il gusto o l'occhio.
Max Furia
12 Agosto 2011 - 09:43
Ciao Victor, c'è tantissimo materiale, sia in italiano che in spagnolo. Ti segnalo, per cominciare, il blog di Mauro Boscarol che tratta scientificamente il tema del colore: http://www.boscarol.com/blog/ Inoltre ti direi di dare un'occhiata ai libri di Red Edizioni che ha un'ampia gamma riservata alla grafica, al design e alla creatività. C'è poi un testo che riterrei quasi fondamentale, edito da Zanichelli, "Il libro del layout". E' semplice ma ben fatto. Sempre di Zanichelli c'è "Il Manuale del Grafico". Un testo storico ma che vale la pena di leggere, secondo me. Poi mille mila libri sulla composizione fotografica che valgono anche per il grafico e il visual designer... insomma... c'è n'è un botto :-) Buona lettura ;-)
Adriano Lolli
14 Agosto 2011 - 20:52
Tutto è relativo anche le regole. Ciò che piace a noi può non piacere ad un americano. A volte bisogna scendere a compromessi affinché il prodotto sia il migliore possibile, sia per la tipologia dell'offerta, e anche per l'etnia del cliente. Realizzare un buon sito e come preparare un buon piatto, non solo gustoso ma anche dall'aspetto gradevole ed invitante. Il linguaggio che useremo determinerà il nostro successo o anche un fallimento. Molto dipende dalla capacità individuale di trovare le vie giuste per trasmettere al meglio ciò che vogliamo far conoscere. Non condivido il punto 23 ( l'abrogazione del counter ) se un sito se lo può permettere e un bel fiore all'occhiello e come dicevo all’inizio tutto è relativo, se lo scopo del sito e di tipo commerciale il counter istilla una grande fiducia nel cliente, sapere quanti sono i visitatori e la loro nazionalità aiuta a vendere, un cunter simpatico è: revolvermaps, naturalmente non può essere utilizzato se le visite al sito sono solo locali e limitate . Buone vacanze a tutti Adriano Lolli
walter arrighetti
15 Agosto 2011 - 08:19
trovo fantastica l'accoppiata titolo-immagine del tuo post!
Ale
18 Agosto 2011 - 22:13
Quindi la categoria Blog si salva...menomale!! Scherzi a parte mi sono divertita tantissimo durante la lettura dei 23 punti no. Certo talvolta gli accenti sono "sovraesposti",possono sembrare pesanti da digerire, ma non per me, io volo basso, ma proprio basso basso. Da tre anni ho questo spazio e da qualche mese ho acquistato il dominio, ho sentito il bisogno di "farlo mio". Sono una principiante e nei limiti del possibile autodidatta. Il mio blog nasce con l'unico e solo intento di condividere una passione e come archivio. Nessuna pretesa. Ma credimi sono tre anni che io continuo a montare e smontare il template, layout e anche un po di grafica. Purtroppo mi avvalgo di quello che offre il web, e se proprio devo dirla tutta avevo anche creato un template con Artisteer2, ma ho finito con eliminarlo, troppo pesante. So di avere dei limiti, ma nel mio piccolo credo di avere fatto passi da gigante, soprattutto ho sempre avuto quella curiosità, desiderio di migliorarmi e migliorare il mio spazietto. Non mi sono mai sentita "arrivata", ne soddisfatta, perchè so che nonostante i miei sforzi, ho comunque delle carenze. Nel mio spazio si parla di ricette con una grande dominante..le foto. Ma ho sempre pensato e sostenuto che anche l'occhio voglia la sua parte. Quello che si presenta davanti, prima ancora di leggere il contenuto, è il nostro biglietto di presentazione. Sono cresciuta tanto, perchè so che posso sempre fare meglio, ma talvolta bisogna riconoscere i propri limiti e affidarsi a mani esperte. Prima o poi farò il salto di qualità, nonostante il mio blog non è una professione ed anche se la nostra categoria, forse è vista con leggerezza. Magari anche per colpa di chi non ritiene fondamentale prendersi cura di quello che ruota attorno alla ricetta. Chi lo sa. Grazie sempre e al momento sto facendo il pieno dei tuoi preziosi video...^_^ Ale.
Sonia
19 Agosto 2011 - 17:08
Ciao, concordo su tutto! Sono ancora del tutto neofita sull'argomento, da più di due anni cerco di capire come mai blog pietosi e dai contenuti non eccelsi abbiano così tante visite e blog più meritevoli invece no! Tu che sei consulente di sicuro lo capiresti, io no! Ma una cosa l'ho capita: siamo piuttosto pecoroni....se vediamo che un blog ha ricevuto 350 visite ci chiediamo come mai e continuamo a visitarlo...è una specie di "invogliatore" .... quindi se il contatore visitatori è in vista ben venga :)) Bel post, mi sono divertita a leggerlo, buona serata :)
Valentina
23 Agosto 2011 - 20:56
Bell'articolo Max, ma nel punto 10, la tua grammatica "fa schifo"! :D
guscocox
25 Agosto 2011 - 20:06
Ciao Max, ci hai proposto di "valutare una serie di errori in modo tale da non incorrervi e non rischiare di vanificare degli sforzi" e io, guarda il caso, ho valutato un paio di punti sempre su questo sito di qui, tu come "project manager", mi saprai chiarire. Ou, "lo scopo non è mancare di rispetto a qualcuno", ma "lo dico senza pietà". • "Stile grafico e regole del buon bilanciamento"? Immagino che quel banner animato messo sopra il vostro logo sia totalmente bilanciato col layout del sito. E questo senza dire ancora che lo sposta completamente a livello visivo. • "Estrusione ed effetti di finta tridimensionalità"? In questo senso conta anche i 'bevel' o le super 'dropshadow' al 100% di nero? Il logo Total-Photoshop forse ci lo può dire. Ricordiamo che "abusare di questi elementi è pesante e noioso oltre a dare un aspetto provinciale e poco professionale". • "Non usare il font Comics per le tue pagine web. Mi fa venire da piangere"? Sarà meglio usare allora lo stile "handdraw" che avete proprio nel vostro payoff. Credo sia più fine e vada meglio abbinato con tutto il resto. Dopotutto "Scegliere il lettering non è una cosa da nulla". Non sono contro i tuoi consigli, ma a volte vedo in giro tante contraddizioni che difficilmente mi fermo e almeno un commento devo fare (alla fine non ci costa nulla). Mi stupisce però la faccia con qui vengono dette le cose, e a volte ci vuole tanta morale per alzare la mano ed essere consapevole della trave nel proprio occhio. Sinceramente il tuo lavoro e bello come fotografo, una delle cose che spesso ripeto in continuazione è che uno dovrebbe dedicarsi e migliorare quello che si fa, sempre di non farsi impegni che possano distrarre le vere passioni. Ma qua capita tantissimo e non possiamo essere bravissimi in tutto. Sicuramente dovrei non mettere il mio naso nelle cose altrui, ma gli anni di esperienza del mio mestiere che ho sulla spalla continuano ad alzare la voce e a volte non ci sento più. Comunque "... per questo credo che ci sia sempre qualcosa da imparare e che si possa farlo con ironia e senza prendersi troppo sul serio." Io a volte mi prendo troppo. PS. "Usa il tuo account Facebook oppure compila il form"? Da dove posso entrare coll'account se non mi lo fai vedere? Non è niente personale, so che non tutto qua dipende da te. PS2. Scusami la grammatica, non sono italiano. ;)
Max Furia
26 Agosto 2011 - 10:59
Mitico Gustavo! :D Bella la passione con cui replichi, mi piace! Ti rispondo volentieri anche se mi sembra che tu abbia inquadrato il problema da un'angolazione non proprio esatta ma, forse, questo è colpa mia e della mia di grammatica ;-) Come dico sempre: essere di madre lingua non vuol dire necessariamente esprimersi bene :D Il banner animato sopra il logo, te lo confesso, non piace nemmeno a me ma, contrariamente a quanto dici, è sufficientemente bilanciato. Un banner, al contrario degli elementi grafici standard che compongono il layout deve attirare l'attenzione e quindi uscire dallo schema. Diversamente che banner sarebbe? Sugli effetti di estrusione, drop shadow, etc etc: non confondere un brand, un marchio con un pulsante per la navigazione. Un conto è scegliere uno stile per un logo, un altro è riempire il sito web di "mattonelle" ;-) Idem per il letterng. Il pay off di TP è concettualmente corretto e, ci tengo a dirlo, non è in comics! :D Le considerazioni che fai tu sono più di carattere personale, inerenti il tuo gusto e, secondo me, ci stanno tutte. Ma, ripeto, hanno a che fare con il gusto. I banner non piacciono a nessuno ma saresti in grado di progettare una community senza banner? Anche economicamente intendo.. Per Facebook: se sei loggato in Facebook non hai bisogno di fare il login da un'altra parte. Ma su questo non sono espertissimo quindi potrei aver detto la mia idiozia quotidiana ;-)
guscocox
26 Agosto 2011 - 12:17
Bene, tutto chiaro. Grazie per la tua riposta, ci tenevo.
Max Furia
26 Agosto 2011 - 12:45
You always welcome ;-)
Loreb
31 Agosto 2011 - 19:50
Ciao Max ;) Seguo da qualche mese il vostro portale e questo è il mio primo post. Premetto che mi siete tutti simpaticissimi, compreso il Tanaca! Ho letto con piacere tutte le regole ed i commenti e che dire... molte cose sono condivisibili e molte meno e, forse, l'aspetto che causa più "risentimento" nelle risposte è il tono ironico che a volte può essere male interpretato. Sono grafico e mi occupo anche di web e leggendo i 23 punti mi veniva da ridere perché nel mio sito ne ho rispettati ben pochi!!! Ultimamente, e anche grazie a voi, mi sono addentrato in modo più approfondito in html e css (prima era gestito da colleghi) e non nascondo che sto scoprendo un bel mondo. Regole specifiche o no, comunque, credo che il buongusto, la semplicità, la leggerezza, la giusta tavolozza e gli elementi grafici in un sito sono gli elementi principali da tenere in considerazione. Buone cose!!! Attendo nuovi tut... ciao!
alessia
09 Settembre 2011 - 11:24
ciao Max, per quanto riguarda il punto 10 del tuo elenco, sapresti indicarmi le misure di progettazione della pagina web, in modo da non avere nè la barra di scorrimento verticale, nè quella orizzontale? navigando in internet non ho trovato alcuna indicazione precisa.. Grazie e complimenti per il vostro splendido sito!!
tonx
15 Settembre 2011 - 19:46
sei sempre molto gentile max!!! io ho insegnato a programmicciare grazie ai tuoi video!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!=)
tonx
15 Settembre 2011 - 19:31
programmicciare vuol dire che chiaramente non sono un mago del pc (ma mi ci avvicino;)
Marco
30 Ottobre 2011 - 14:40
Ho idea che avrò bisogno di fare qualche cambiamento sul mio sito :D hahah specialmente per i link rotti che più sistemo più compaiono da soli :D Grande post comunque mi sarà sicuramente di spunto per dare una bella sistemata al sito. Ecco se ti capita di entrarci sii ragionevole perchè l'ho iniziato da poco tempo e sono ancora un novellino :D
Didi
07 Dicembre 2011 - 09:33
Trovo il tuo articolo assolutamente fantastico! Sono le stesse cose che penso io, e aggiungerei, che ogni articolo (che sia blog, o professionale) deve darti l'idea esatta di cosa parla un post (parlando di blog). Accidenti, mi pento di non avere studiato grafica e web design, perchè le idee ce l'ho, e da quanto leggo qui sono buone!! Il punto dei counter mi ha fatto ridere, perchè spesso alla gente piace proprio gongolarsi su quante visite ha, senza guardare alla sostanza.. "Less is more" è perfetto!!
Maurizio
22 Dicembre 2011 - 14:50
Ciao Max, volevo chiederti un paio di cose ma la barra share the knonledge come si inserisce nel proprio web site? E come si creano i feed rss per le proprie news?
Max Furia
22 Dicembre 2011 - 16:35
molte di queste soluzioni sono già comprese nell'ambito di pacchetti come Wordpress. Quello a cui fai riferimento tu è un plugin che si chiama Shareolic ;-)
Fibrizio
26 Settembre 2012 - 17:12
24. non profilare decaloghi se non si è certi di rispettarli (e che, per esempio, la pubblicità nel nostro sfondo non sia un pugno nell'occhio)
Max Furia
26 Settembre 2012 - 17:04
.... che detto così... :D
stefano agnelli
15 Novembre 2012 - 00:23
ciao Max, mi piace molto l'aria che c'è qui, leggendo tutti questi post. Ti prego dammi un consiglio: Da un po di tempo mi è venuta una passione folle per tutto ciò che riguarda il web. ho studiato ho fatto corsi ho ottenuto certificazioni come quella in photoshop e in html, ecdl ecc. e continuo a studiare e a guardare i vostri tutorial . A questo punto considerando che sono semi disoccupato ho pensato di arrotondare facendo qualche sito, ma sono piuttosto critico con me stesso e forse anche ancora molto inesperto per cui non mi sono ancora proposto e non so se sia il caso di lanciarmi nel mercato, e non vorrei fare la figura dell'incompetente, che per altro sono per la verità. Non sono giovanissimo ho 48 anni e non so se valga la pena dare credito a questa mia passione o accettare il fatto che forse avrei dovuto iniziare prima per fare questo tipo di attività da professionista. Sono anche un mezzo fotografo, ho fatto fotografia dilettantistica gia dal 82 e uso ancora macchine con i rullini, ma questo solo perchè i costi di una macchina digitale sono esagerati. Mi sto un po perdendo e sto parlando a ruota libera esternando le mie passioni. Dammi un consiglio su cosa fare . ciao stefano p.s lo so che non si fà ma complimenti .hai un bel gruppo di lavoro
Max Furia
15 Novembre 2012 - 14:57
Ciao Stefano, grazie per quello che mi scrivi. Anzi, per quello che scrivi a tutti noi e che condividi con tanta trasparenza. La mia premessa è che non credo che ci sia un'età in cui si possono o non si possono fare delle cose. Tra l'altro non siamo affatto distanti come "anni di esperienza" ;-) Questo per dirti che non è vero che bisogna essere dei ragazzini per accedere a questa professione. Bisogna solo aver voglia di imparare costantemente e avere l'umiltà di rimettersi in gioco, magari con la giusta dose di entusiasmo. Se sei un perfezionista questo non può che essere una qualità, bada solo a non farlo diventare un motivo di paralisi per non fare un passo. Non siamo mai pronti abbastanza, preparati abbastanza o perfetti abbastanza. Si impara, si migliora, ci si corregge e alcune cose si possono imparare sul serio solo quando decidi di buttarti nella "fossa dei leoni". Quindi... vai! Buttati e inizia a sfornare pagine web. Come in ogni lavoro, l'ultimo che fai sarà sempre quello venuto meglio ma mai come il prossimo ;-) Divertiti e fai ciò che ti ispira! Fai vedere chi sei (a te stesso) e il mondo se ne accorgerà. Orienta e pianifica i tuoi pensieri verso buoni risultati e non dare retta alle (tue) voci auto sabotanti ed eccessivamente dubitative che interferiscono con il tuo progetto. Fai le cose velocemente ma senza fretta. Sii efficiente in ogni singola azione che fai ma senza strafare. Sono i migliori consigli che posso darti. Il resto sarai bravissimo a costruirtelo da te, un passo alla volta ;-) Facci sapere come procede! In bocca al luccio! PS. Passa al digitale e smetti di spendere soldi in rullini :D
LOL
24 Febbraio 2013 - 00:04
24. prima di dire agli altri che i loro siti fanno schifo, assicurati di non averlo anche tu ;)
Luca
24 Febbraio 2013 - 21:36
Articolo favoloso. Grazie :). Ma vi prego, cambiate questo sfondo "puntinato", mi ha fatto venire il mal di testa.
Emanuele Mattozzi
11 Maggio 2013 - 18:07
Max sei un grande. Tutto quello che hai scritto lo penso anche io da tempo! A me lo sfondo "puntinato" piace tantissimo invece, e non è invadente. Continua così! Emanuele
moonly78
12 Settembre 2013 - 18:18
L'articolo è utile, però, te lo dico per te, una bella rinfrescata sulle regole grammaticali ed ortografiche della lingua italiana non ti farebbe male. ai... ogni tanto, quando è un verbo ci ha l'acca...
Max Furia
25 Settembre 2013 - 19:52
Beh... Moonly78 non nego che nella mia stesura "passionale" ci siano dei refusi, mea culpa. Avendo scritto 2072 parole può benissimo starci, credo. Tu, al contrario, ne hai scritte 33 e hai fatto quattro errori :D Lo dico con simpatia, ovviamente ;) Grazie per il tuo commento
Arianna
09 Aprile 2014 - 18:32
Certo mi piacerebbe sapere cosa pensi del mio sito, cattivo e senza pietà, ce la posso fare ;) Grazie Arianna
Max Furia
11 Aprile 2014 - 16:27
Tutt'altro che male, Arianna. Ma hai utilizzato un tema di Joomla o qualcosa di simile, giusto? Personalmente avrei puntato un po' di più sullo sfondo chiaro per dare più luce ai gioielli stessi e curato un pochino di più le foto dei prodotti.
uannaz
23 Gennaio 2017 - 17:56
ciao, nel punto 10 del tuo elenco sai dirmi se l' "ai sbagliato" si scrive con l'h o meno? Perchè sul resto dai l'idea d'essere enciclopedicamente preparato ;)
Max Furia
24 Gennaio 2017 - 10:50

Lascia un commento


Pubblica commento

Total-Photoshop è di proprietà di Logic Comunication s.r.l.
Via Salvo D'acquisto 2, 21100 Varese - P.iva: 03798290122