CARICAMENTO...
  1. I formati di esportazione
  2. Buon compleanno Total-Photoshop, 10 anni di creatività da festeggiare insieme
  3. La funzione Disegno Simmetrico di Photoshop CC2018
  4. Il nuovo strumento Penna Curvatura di Photoshop CC2018
  5. Illustrator CC2018: 4 utili scorciatoie da tastiera
1 / 5
Photoshop & Premier Pro specialist

I formati di esportazione

1091 VISUALIZZAZIONI
PUBBLICATO IL: 05 Luglio 2013

C’era una volta il nastro. La buona vecchia videocassetta. Poi il DVD, poi il Blue-Ray.



Ma questa è l’era dell MPEG. Il formato di esportazione con cui mi trovo a fare i conti tutti i giorni. L’ultimo nato per soddisfare la visualizzazione dei video su web.

La genesi di tutto questo ha le sue radici nel lontano 1991 con la prima versione di Quicktime, mentre l’anno seguente vide la luce il formato AVI. Retorico ripetere che il primo è di proprietà Apple, mentre il secondo è stato realizzato da Microsoft.

Impostazioni_di_Esportazione

Il formati di esportazione di Premiere Pro CS6

 

Entrambi sono formati detti contenitori. Ciò significa che sia i file .mov che i .avi possono contenere dati compressi secondo diversi tipi di codec (abbreviaviazione di codificatore/decodificatore).

La domanda più comune è: meglio AVI o Quicktime?

Cerco di farla semplice. Al di là delle faziosità MAC vs PC, le differenze non sono molte. Specie se esportiamo in assenza di compressione. Proprio perchè sono entrambi dei formati contenitore. Se dovessi spezzare una lancia, lo farei in favore di Quicktime. Solo perchè è possibile leggerlo sia su computer con iOS, Windows e Linux. Mentre AVI, per default, non viene digerito dai MAC.

AVI_vs_Quicktime

Le opzioni di esportazione di Quicktime e AVI non compresso

E quando devo esportare un file in uno di questi due formati video?

A prescindere dalla compressione, di certo quando i file video esportati devono essere rielaborati o rimontati. In questi casi mi sento di suggerire di utilizzare una compressione detta Lossless, dove permesso dalle schede hardware di acquisizione.
Altrimenti il formato predefinito Non Compresso, valido sia per Quicktime che per AVI. Il vantaggio è, come suggerisce il nome, l’elevata qualità data dalla mancanza di compressione. Lo svantaggio potrebbe essere il peso del file. E se non dotati di computer particolarmente potenti ( in gergo carrozzati), il rischio è quello di rallentare il lavoro.

Ma per ovviare a questo problema, si possono comodamente esportare i file con altre compressione, come il DV, che ripoduce la qualità del Digital Video, quello delle cassette tanto per essere chiari. Mentre se lavoriamo in Alta Definizione, possiamo optare per i preset messi a disposizione dal formato Quicktime o personalizzare la qualità di compressione dell’AVI. Che a mio avviso sono un po’ più limitati.

Formato_AVI

Codec disponibili per il Formato AVI

E per finire un grande vantaggio offerto dai formati video di Apple, è sicuramente quello di incorporare il canale alpha, molto utile per chi lavora con effetti speciali e compositing. Ma di questa caratteristica si dispone nel caso si esporti in non compresso o Animation.

I formati di esportazione

FOCUS TAG

COMMENTI (0)

Lascia un commento


Pubblica commento

Total-Photoshop è di proprietà di Logic Image s.r.l.
Viale Aguggiari 12, 21100 Varese - Telefono e Fax: 0332.288642 - P.iva: 02990000123